Torta cioccolatina

Ultimamente alcune persone della mia famiglia hanno iniziato, per motivi di salute, a tenersi lontano dal glutine. Mentre, da un lato, questa limitazione può complicare la scelta del menu, dall’altro scatena la fantasia su nuove ricette da sperimentare. La torta cioccolatina è una di queste. Molto simile alla tenerina, è buonissima ed ha il vantaggio di non contenere farina. Inoltre, può essere un ottimo modo per utilizzare le uova di cioccolato che avanzerete a Pasqua (se mai dovesse avanzare qualcosa!)

Per estrema sicurezza, consiglio di accertarvi che i prodotti acquistati siano tutti adatti ad una alimentazione gluten free.

[Ingredienti]

  • cioccolato fondente [200 gr.]
  • burro [1 panetto da 125 gr.]
  • zucchero [100 gr.]
  • uova [3]
  • cacao amaro  [60 gr.]

[Scontrino della spesa]

  • cioccolato fondente, 200 gr. [1,62€]
  • cacao amaro, 75 gr. [0,75€]
  • burro, 125 gr. [0,99€]
  • uova BIO, 4 [1,76€]
  • zucchero già in dispensa

 

[Ricetta]

  1. Spezzettare il cioccolato e tagliare il burro a tocchetti, metterli in una ciotola e farli sciogliere a bassa temperatura in microonde (in alternativa, utilizzare la cottura a bagnomaria).
  2. Nel frattempo, sbattere le uova con lo zucchero fino a formare un composto morbido e spumoso.
  3. Unire il composto di cioccolato e burro al composto di uova e zucchero, poi incorporare il cacao setacciato.
  4. Versare l’impasto in una teglia rivestita di carta da forno (in modo da evitare l’utilizzo di prodotti contenenti glutine come la farina o il pan grattato).
  5. Cuocere in forno a 180° per 30 minuti.

[Consigli per impiattare]

Non sono riuscita ad impiattarla, erano tutti impazienti di assaggiarla.
Il pezzettino che vedete qui sotto è l’unico che sono riuscita a rubare da tavola: il resto, spazzolato!

tortaCioccolatina

Pensieri sparsi sulla pasta a sfoglia, sfoglini in camicia e il tempo che manca

Nel mese di febbraio, io e il mio fido compagno di squadra Daniele (leggi qui per capire chi siamo) ci siamo imbarcati in una nuova avventura, il corso per sfogline* organizzato dalla Pro Loco di Zola Predosa.
————————————————————
[Piccola digressione da tecnico linguista]
Vivendo a Bologna ho capito che la città è viva, sanguigna, autentica, tanto che i suoi abitanti usano termini specifici per dare un nome a tutto ciò che è insito nel DNA della città stessa. Qui ho trovato parole nuove, espressioni gergali che ti entrano nella pelle e non ti lasciano più, perché non esistono modi migliori per esprimere il concetto. *Sfoglina è una di queste: la sfoglina è la signora che tira la pasta a sfoglia, definita con un termine precisissimo perché qui tirar la sfoglia è davvero un affare serio.
[Fine della digressione]
————————————————————

Sin da quando ho memoria, ricordo la Nonna Lilia tirare la sfoglia. Specialmente a ridosso delle occasioni speciali, la sua sala da pranzo cambiava completamente volto, il tavolo veniva ricoperto da una grande asse di legno e da tutti gli ingredienti che servivano allo scopo. La Nonna riusciva a tirare queste sfoglie perfette, enormi, sottilissime. E lo faceva davvero come se fosse un gioco da ragazzi, sempre gli stessi esperti movimenti, affinati sin da quando, ragazzina di dodici anni, aveva imparato per far trovare la pasta fresca al suo nonno di rientro dal lavoro in campagna. Volevo portare avanti la tradizione di famiglia e il corso è stato senza dubbio il modo migliore per riuscire a fare un po’ di pratica e riprendere in mano tutti gli insegnamenti della Nonna.

Carica di questo entusiasmo, mi sono iscritta al corso organizzato dalla Pro Loco di Zola Predosa, e ho ovviamente coinvolto Daniele, perché certe cose fatte in due hanno tutto un altro sapore.

Siamo stati accolti da Rina e Carmen, due sfogline D.O.C. che ci hanno guidato passo passo nell’impresa, con quel misto di gentilezza e severità che solo una nonna può avere. Con loro un terzo professore, Cristian, che – fortunatamente – interveniva oltre che coi consigli, anche con una dose di olio di gomito in più.

UNADJUSTEDNONRAW_thumb_4fa5

Da queste tre lezioni, ho imparato:

  1. Che è sempre bello conoscere persone nuove, scambiare un sorriso, ascoltare la loro storia e raccontare la propria. Sono nate conversazioni ‘da mattarello’ molto piacevoli che mi hanno scaldato il cuore.
  2. Che le sfogline possono essere anche sfoglini (e anche sfoglini in camicia). Ho osservato la cura e la maestria messa in campo da Cristian e mi sono stupita nel vedere gli stessi sapienti movimenti della tradizione ripetersi ancora una volta. Ho potuto anche constatare la cura e l’attenzione che Daniele metteva nel seguire le istruzioni, cosa che gli ha permesso di ottenere un risultato praticamente perfetto, ‘l’uovo di Colombo’, come lo hanno chiamato scherzosamente le nostre maestre. A detta loro, gli uomini sono molto più precisi. Buono a sapersi, per il prossimo Natale so già chi assoldare.UNADJUSTEDNONRAW_thumb_4fa3
  3. Che sarebbe bello poter iniziare, nel nostro piccolo, una decrescita felice. Ricominciare a fare le cose in casa, cercando di dedicare un po’ di tempo libero alle attività domestiche intese come cura del proprio spazio personale, con più attenzione a quello che si compra e a quello che si mangia. Ovvio che saranno più le volte in cui questo non sarà possibile, però è bello sapere che esiste anche questa possibilità e che noi abbiamo gli strumenti per poterci provare.
  4. Che a volte abbiamo un’idea distorta dell’impegno che ci richiedono le cose. Ero convinta che impastare e tirare la sfoglia a mano richiedesse impegno, sforzo e tempo, che implicasse confusione in casa. Nulla di tutto ciò è vero. Ci abbiamo impiegato un tempo relativamente breve noi, principianti assoluti, figuriamoci una volta acquisita un po’ di esperienza. Vale la pena di provare, vale la pena prendersi del tempo per dedicare cura al cibo, per mettere più attenzione in ciò che consumiamo. Considerando poi che questi lavori danno l’occasione di trovarsi e chiacchierare, assumono un valore ancora più bello, quello di riunire la famiglia attorno ad un tavolo, quella di abbandonare gli schermi e le connessioni sempre e comunque. Che poi, a ben pensarci, anche questa è una connessione: è riconnettersi con le proprie origini, con le proprie tradizioni e, in definitiva con la propria essenza.

Linzer Torte

E alla fine è arrivata, la neve. Guardo fuori dalla finestra con un misto di preoccupazione e di eccitazione: la prima inevitabilmente legata alla mia condizione di adulto che deve tornare a casa dal lavoro e al momento ha l’auto seppellita sotto qualche centimetro, la seconda che mi ricorda che la bambina in me è sempre lì presente, pronta per saltare fuori ogniqualvolta qualcosa di bello e speciale accade, anche se semplice come una nevicata.

La neve è meravigliosa, bianca, leggera, spensierata. Copre tutte le brutture, sublima i paesaggi, abbraccia la natura. Come ho letto da qualche parte, la neve è la dimostrazione che non è necessario fare rumore per farsi notare. Ed è proprio in queste giornate che il cuore si sente più vicino alle mie montagne, il profumo del bosco riaffiora nella mente, così come la voglia di assaporare un gusto che risvegli i ricordi di quelle giornate.

Sono questi i giorni in cui non c’è niente di meglio di una fetta di Linzer Torte, accompagnata da un bel thé, un libro e il caminetto acceso: la mia idea di attimo perfetto.

linzertortemani

[Linzer Torte – Ingredienti della mia versione ]

  • farina di grano saraceno [300 gr.]
  • farina di nocciole [250 gr.]
  • farina di mandorle [50 gr.]
  • zucchero  [200 gr.]
  • burro [300 gr.]
  • uova [2]
  • chiodi di garofano macinati [4]
  • cannella in polvere [1 cucchiaino]
  • limone [mezzo]
  • composta di mirtillo rosso [1 vasetto]

[Scontrino della spesa]

  • farina di grano saraceno,  1000 gr. [2,89€]
  • nocciole, confezione da 250 gr. [5,58€]
  • chiodi di garofano, vasetto da 25 gr. [1,69€]
  • cannella in polvere, vasetto da 45 gr. [1,69€]
  • composta di mirtillo rosso, vasetto da 360 gr. [3,95€]

La spesa per questa torta non è irrisoria, è una torta da occasione speciale. Posso garantire che ne vale la pena!

[Ricetta]

  1. Mettere le nocciole, le mandorle e i chiodi di garofano nel mixer. Frullare per ridurre gli ingredienti a farina.
  2. In una ciotola, mescolare la farina di frutta secca appena preparata con la farina di grano saraceno, il burro ammorbidito, la cannella, lo zucchero, le uova e il succo di mezzo limone. Amalgamare finché non si sarà formato un panetto, poi mettere in frigo per almeno mezz’ora coprendo la ciotola con una pellicola.
  3. Foderare una teglia con la carta da forno e disporre 2/3 del composto come se si trattasse di una crostata.
  4. Foderare con la composta di mirtillo rosso.
  5. Utilizzare la restante parte dell’impasto per chiudere la torta come una crostata. Se l’impasto risulta difficile da lavorare potete aiutarvi con una tasca da pasticciere.
  6. Infornare per 50 minuti a 170°.

[Consigli per impiattare]

Suggerisco l’abbinamento con un punch al rhum, caldo e aromatico. In alternativa, il mio thé preferito, l’Earl Grey Twinings: il suo delicato aroma di bergamotto vi scalderà anche nelle giornate più fredde.

linzertorte